Artrosi di ginocchio, è arrivato il percorso che riduce dolore e ricovero

Artrosi di ginocchio, è arrivato il percorso che riduce dolore e ricovero

Dal Nord Europa e USA arriva anche in Veneto il fast track ovvero il percorso veloce per l’artrosi di ginocchio che, in questi paesi, ha già portato alla chirurgia del ginocchio in day-hospital. In Italia se ne è discusso al congresso “Protesi totale di ginocchio: il fast track tra sogno e realtà” a Firenze dove abbiamo incontrato il dottor Franco Rossi, specialista in ortopedia e traumatologia presso l’Ospedale Villa Salus di Mestre dove il fast track è già praticato con successo.

Fast track è un termine che descrive un percorso (track) rapido (fast) che dall’intervento alla riabilitazione riduce i tempi di ricovero e recupero del paziente, promette zero dolore oltre alla riduzione dei costi sanitari. “I pazienti richiedono interventi e soluzioni in tempi sempre più rapidi per poter tornare al lavoro o alle attività quotidiane. Per questo nasce il fast track, oggi possibile grazie alle tecniche chirurgiche mininvasive che permettono di ridurre le perdite di sangue del paziente durante l’intervento, mantenere integri i muscoli e favorire quindi un più rapido recupero post operatorio – spiega il dottor Franco Rossi. – In Italia non è ancora il momento per gli interventi di protesi di ginocchio in day-hospital come accade nei paesi del Nord Europa, sia perché non è ancora possibile attivare e standardizzare il servizio domiciliare di fisiokinesiterapia e il nursing post-operatorio, sia perché in Italia la protesica di ginocchio non rientra tra le prestazioni chirurgiche in day-surgery. Nonostante questo, abbiamo però già l’esperienza per affermare che con il fast track i tempi del ricovero si riducono di oltre il 50%, passando da 8-10 giorni a 4-5 giorni. Iniziando la riabilitazione prima, anche il paziente recupera in tempi più rapidi e questo grazie anche ai nuovi materiali e design delle protesi sempre più rispettose dell’anatomia del ginocchio”.

Veloce, zero dolore e sicuro; ma è per tutti?

Veloce è la riabilitazione e il recupero del paziente, che cammina con l’ausilio delle stampelle già dopo poche ore dall’intervento. Il tempo chirurgico invece non cambia, perché solo un’accuratezza quasi maniacale nei gesti chirurgici permette di velocizzare il recupero – sottolinea il dottor Franco Rossi. – Il fast track è possibile in strutture che hanno adottato questi nuovi protocolli che includono la gestione del dolore e delle perdite ematiche durante e dopo l’intervento, e hanno team dedicati e formati a questo processo di recupero rapido del paziente. In Veneto il fast track è applicato nella U.O di Ortopedia di Villa Salus di Mestre ma non tutti i pazienti sono candidati a questo tipo di programma che richiede grande motivazione e collaborazione da parte del paziente.

Siamo pronti al fast track?

Il congresso di Firenze ha evidenziato un interesse sempre maggiore da parte dei chirurghi a questo tipo di metodica – spiega il dottor Franco Rossi. – Tuttavia ha fatto emergere anche la mancanza di protocolli comuni e condivisi per realizzare questo tipo di percorso. Lo sforzo dei prossimi anni sarà di trovare proprio un percorso (track) comune che permetta di avere sempre una maggiore esperienza sull’utilizzo di un programma che presto diventerà anche una realtà italiana.


A cura di Liana Zorzi

© Orthopedika Journal

Tags: , , , ,

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi