Tunnel carpale: antiossidanti contro il dolore

Tunnel carpale: antiossidanti contro il dolore

Si chiamano Ala e Sod i due potenti antiossidanti che associati agli analgesici hanno dimostrato di essere efficaci nel trattamento del dolore e formicolii da sindrome del tunnel carpale e del tunnel cubitale, alleviando la sintomatologia e riducendo la progressione della malattia.

A cura di Giovanni Cacia

Come è noto, la sindrome del tunnel carpale è molto dolorosa. Ne sanno qualcosa soprattutto le donne che vengono colpite tre volte più degli uomini tra i 50 e 60 anni. Sindrome del tunnel carpale e cubitale (compressione del nervo ulnare) determinano frequentemente parestesie (formicolii) alle dita della mano, forte dolore associato a gonfiore e perdita di forza. Il trattamento del dolore acuto impone l’uso di Fans o ad altri tipi di analgesici: oggi, sempre più spesso, tali farmaci vengono associati a sostanze ad azione antiossidante e dunque antinfiammatoria e neurotrofica. Gli antiossidanti, infatti, a differenza degli analgesici che agiscono esclusivamente sul sintomo doloroso, hanno l’effetto non solo di ridurre il dolore e la parestesia, ma anche di ridurre il ricorso a farmaci analgesici e di evitare il progredire del danno nervoso.

CHE STRESS, LO STRESS OSSIDATIVO
La compressione meccanica di un nervo, come avviene nel tunnel carpale e cubitale, determina una ischemia dei vasi sanguigni con conseguente sovrapproduzione di radicali liberi dell’ossigeno, i cosiddetti ROS.
Lo stress ossidativo che ne deriva ha diverse conseguenze:
1. Infiammazione, dovuta al rilascio di sostanze infiammatorie (chitochine)
2. Stress ossido, che può portare a danneggiamento o morte cellulare (neurodegenerazione o apoptosi)
3. Danno mitocondriale e conseguente riduzione delle risorse energetiche cellulari
I ROS determinano l’infiammazione del nervo e le lesioni degenerative che ne derivano sono responsabili del dolore e della perdita di funzionalità della trasmissione nervosa ovvero della riduzione della velocità di conduzione nervosa che determina formicolii, perdita di forza e riduzione del movimento.

ALA E SOD: DUE POTENTI MOLECOLE ANTIINFIAMMATORIE
Tra le molecole più studiate per ridurre l’infiammazione del nervo vi sono due potenti antiossidanti:
– la superossidodismutasi (Sod) che ha dimostrato di avere un’azione antiossidante e di protezione delle fibre nervose sottoposte a stress ossidativo oltre ad un effetto antiossidante indiretto a livello vascolare
– l’acido alfa-lipoico (Ala) recentemente identificato (Lee, 2011) come l’unico principio attivo di documentata efficacia nella terapia della neuropatia diabetica, una delle forme più complesse da trattare, nella lombo sciatalgia, la cervico-bracalgia e la sindrome del tunnel carpale

Recenti studi hanno dimostrato che l’assunzione di integratori a base di Ala e Sod ha lo scopo di potenziare le difese dell’organismo contro i processi che determinano l’infiammazione riducendo dunque il dolore neuropatico e i deficit di conduzione nervosa. I sintomi migliorano rapidamente grazie anche ai benefici sul flusso ematico oltre che alla riduzione dell’infiammazione a carico della mielina della fibra nervosa periferica, mediato dall’azione antiossidante di Ala.

© Orthopedika Journal

Tags: , ,

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi